Pubblicato il giorno 6-feb-2019

Nutrizionista dott.ssa Monica Ceccon, Biologa

IL CAFFE’ CI PROTEGGE DAL DIABETE DI TIPO 2
Il caffè, compagno abituale di molti italiani, non fa poi così male. Anzi, uno studio del 2014 ha evidenziato che consumare caffè diminuisce l’incidenza di diabete di tipo 2. Il lavoro riassume i dati di altri 28 articoli: 1.109.272 persone analizzate in tutto. Numeri davvero importanti. I partecipanti sono stati seguiti da 1 a 20 anni (mediana: 11 anni). Ne emerge una relazione lineare e inversa: più caffè si beve e meno probabile è l’incidenza della malattia rispetto a chi non beve caffè. Anche il decaffeinato è efficace, seppur leggermente di meno del caffè normale. Quindi non è tanto la caffeina il principale agente protettore, ma qualche altra sostanza presente nella miscela. Nel caffè infatti sono presenti anche polifenoli (acido clorogenico principalmente), lattoni, diterpeni, magnesio, niacina e il precursore della vitamina B3. Difficile però dire chi tra questi sia il responsabile. Gli studi sono stati condotti in USA, Europa e Asia, quindi non è stato considerato il modo di preparare e di bere il caffè, né l’aggiunta di zucchero o di latte. Comunque meglio non eccedere con i caffè zuccherati. Grazie a Milù Café Cusano per la foto e per l’ottimo caffè!
Ding et al, Diabetes Care 2014 Feb; 37(2): 569-586.
@milucafecusano